An Education Blog

word direction logo

Importanza delle aree protette per la conservazione della biodiversità in Sud Costa d’Avorio: caso del centro floristico nazionale di F.H.B Università di Abidjan- (Italian)

Jean-Pierre Boga, Ténon Coulibaly, Akpa Alexandre Moïse Akpesse , Crolaud Sylvain Trabi, N’da Hyppolite Dibi, Kouassi Philippe Kouassi, Yao Tano1 et Ahoua Yapi

Laboratory of Zoology and Animal Biology, UFR-Biosciences, Félix Houphouët-Boigny University of Abidjan, Côte d’Ivoire

Laboratory of Animal Biology, UFR of agroforestery, Jean-Lourougnon Guédé University of Daloa, Côte d’Ivoire

Laboratory of vegetal Biology, UFR-Biosciences, Félix Houphouët-Boigny University of Abidjan, Côte d’Ivoire ; Centre Universitaire de recherche et d’application de communication en télédétection (CURAT)

Key words: Termite, protected areas, human activity, biodiversity conservation, Côte d’Ivoire.

Riepilogo
Per visualizzare l’impatto delle attività umane sulla biodiversità nella regione equatoriale umida, termiti, insetti, riconosciuti come bio-indicatori dei cambiamenti climatici nei tropici sono stati studiati in due habitat: il centro nazionale per floristica (CNF), un habitat conservato per 51 anni e il Campus di Cocody (CC), un ambiente fortemente antropico. Le termiti sono state campionate utilizzando un metodo standardizzato, progettato per la valutazione rapida della termite. In entrambe le aree, sono stati raccolti 18 specie, 17 specie in CNF e 7 specie in zona Campus. Cambiamento significativo nella diversità è stata trovata fra il CNF e la zona del Campus. Inoltre, l’abbondanza relativa delle termiti hanno mostrato un declino significativamente maggiore in zona Campus. il più alta abbondanza di termiti è stata ottenuta in CNF (2,95 Ind. / sezioni) a differenza della zona Campus dove l’abbondanza relativa era 1,55 Ind. / sezione. Indice di diversità di Shannon e Simpson registrata in CNF era superiore a quelli della zona Campus. Il basso indice di somiglianza calcolato (0,38) ha mostrato che queste due aree sono state fortemente differente. Gli alimentatori del terreno sembrano essere il gruppo più sensibile alle attività umane. Il CNF conservato delle attività umane ammessi ricostituente diverse specie di colonie della termite, a differenza della zona Campus che ancora soggetto a forte attività antropogeniche.

Leave a Reply

Share this

Journals

Email Subscribers

Name
Email *