An Education Blog

word direction logo

Metalli pesanti e composizione nutrizionale di alcuni naturalmente crescente macrofite acquatiche dei laghi egiziano del Nord- (Italian)

Alaa M. Younis and Elsayed M. A. Nafea

Aquatic Environment Department, Faculty of Fish Resources, Suez University, Egypt

Key words: Biomonitoring, aquatic plants, Heavy metals, wetlands.

Riepilogo

A fern is seen on the bank of river Mura near the village of Izakovci, in east Slovenia  April 22, 2009. Earth Day is celebrated today . REUTERS/Srdjan Zivulovic (SLOVENIA ENVIRONMENT) - RTXE92N

Piante acquatiche sono filtri biologici immutabili e svolgono la purificazione dei corpi idrici, pertanto, la determinazione delle composizioni di elemento in queste piante è essenziale per comprendere la loro importanza nutritiva. Macrofite acquatiche sono conosciuti come buoni indicatori di contaminazione di metalli pesanti negli ecosistemi acquatici e agiscono come filtri biologici da accumularsi metalli pesanti da ambienti circostanti. Nell’ambito della presente ricerca, cinque macrofite acquatiche vale a dire:-(Lemna gibba, Pistia stratiotes sono galleggianti di piante), (Ceratophyllum demersum, Potamogeton pectinatus e Myriophylum spicatum sono piante sommerse) sono stati raccolti da diverse posizioni alle lagune del delta del Nilo (Burullus e Manzala) per indagare il valore di bioindicative di loro determinando il loro contenuto di metalli pesanti e loro composizione nutrizionale. I risultati del presente studio hanno indicato che, livelli di alcuni metalli come zinco e rame sono più alti in quasi tutte le specie, oltre a Lemna gibba e potamogeton pectinatus ha mostrato la maggiore capacità di accumulo di metalli pesanti rispetto le altre piante acquatiche, di conseguenza potrebbero essere usati come modo affidabile per bio–controllo di metalli pesanti e nello sviluppo sostenibile , valutazione gestione e inquinamento in laghi deltizie del nord dell’Egitto.

Leave a Reply

Share this

Journals

Email Subscribers

Name
Email *